Libri


LUCA FASSINA
Vanadium – La biografia ufficiale
Crac Edizioni

Around the World


NIDHöGGR
Ragnarök
Lake of Fire Productions/
Craneo Negro Record

Top Album


METATRONE
Eucharistmetal
Rockshot


DARKEND
The Canticle of Shadows
Non Serviam Records


ANAMNESI
Erimanto
Misanthropic Art Prod.

Album


DOMINANCE
XX The Rising Vengeance
Sliptrick Records


SUSHI RAIN
Cocktail
Jackson Records


TRINAKRIUS
Introspectum
Pitch Black Records


SCALA MERCALLI
New Rebirth
Art Gates Records


EVERSIN
Flagellum Dei
My Kingdom Music


STEEL FLOWERS
Kleptocracy
Red Cat Records


EPHYRA
Along The Path
Bakerteam Records


SAILING TO NOWHERE
To The Unknow
Bakerteam Records


HOMSELVAREG
Catastrofe
Sliptrick Records


VINTERBLOT
Realms of the Untold
Nemeton Records


ENIO NICOLINI
Heavy Sharing
Buil2Kill Records


AT THE DAWN
Land In Sight
Bakerteam Records


ODYSSEA
Storm
Diamonds Prod


AGHAST AFTERGLOW
Imaging
Revalve Records

Demo e Autoproduzioni


THE JULIET MASSACRE
Human Abuse
Autoprodotto


THE HILLNOISE
My Sleeping Butterfly
Autoprodotto/Club Inferno


ILIOS
Demo 2015
Autoprodotto


Clinic Herman Li - Trento - 18.03.2010

Un cospicuo numero di appassionati si è radunato a Trento, all’interno del fornito negozio di strumenti musicali La Pietra Music Planet, in occasione di una riuscitissima clinic del funambolico chitarrista dei Dragonforce Herman Li. Il simpatico axeman di origini cinesi ha stupito tutti i presenti dando, come sempre, prova di grande abilità tecnica ed ha travolto tutti e tutto con il suo power metal portato a livelli estremi. Avendo avuto la fortuna di seguirlo anche durante il soundcheck e nei momenti prima dello show, ho potuto apprezzare oltre alla sua notevole caratura musicale, un musicista estremamente semplice e umile, composto e professionale.


Warning: imagecreatefromjpeg(http://www.metalloitaliano.it/Foto/fotoHERMAN_LI_1.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 389

Warning: imagesx() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 391

Warning: imagesy() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 392

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 394

Warning: imagecreatefromjpeg(http://www.metalloitaliano.it/Foto/fotoHERMAN_LI_2.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 389

Warning: imagesx() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 391

Warning: imagesy() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 392

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.metalloitaliano.it/home/articoli/live_report.php on line 394

Accompagnato dal simpatico e competente Stefano “Sebo” Xotta, in qualità di interprete, Herman ha dapprima mostrato le qualità dei suoi “gioiellini” costruiti ed elaborati appositamente dalla Ibanez, in virtù dei suoi numeri acrobatici. “Reasons To Live”, “The Last Journey Home” e “Valley Of The Damned” sono alcuni dei dirompenti brani del repertorio Dragonforce che hanno strutturato la sua esibizione, inframmezzata e rimpolpata dal continuo dialogo con l’attento pubblico, che ha posto domande tecniche e non. Così tra assoli alla velocità della luce e ritmiche travolgenti, Herman ha catturato l’attenzione di tutti i presenti, con il suo solito tocco spettacolare, facendo diventare la sua chitarra una autentica “mitraglia sparanote”. Irraggiungibile lo scorrere iperveloce delle sue dita sullo strumento, divertente il suo modo di far “urlare” la chitarra con l’aiuto di un anello luminoso, che gli permette di ottenere gli effetti di un pedale e spassoso nell’imitare i suoni del videogioco Pac-Man (in “Through The Fire And Flames”), il tutto con la più totale disinvoltura. La clinic giunge così inesorabilmente al termine fra gli applausi generali. Herman Li è un chitarrista che ha fatto della velocità il suo marchio di fabbrica, forse il suo stile manca di quel feeling profondo capace di arrivare al cuore, ma non si può dire che non sia riuscito a catalizzare ed entusiasmare tutti; la folla rimasta a fine esibizione in attesa di un autografo ed una stretta di mano, ne è la conferma.
Un applauso agli impeccabili organizzatori e al pubblico che hanno reso grande questa serata...