Libri


LUCA FASSINA
Vanadium – La biografia ufficiale
Crac Edizioni

Around the World


NIDHöGGR
Ragnarök
Lake of Fire Productions/
Craneo Negro Record

Top Album


METATRONE
Eucharistmetal
Rockshot


DARKEND
The Canticle of Shadows
Non Serviam Records


ANAMNESI
Erimanto
Misanthropic Art Prod.

Album


DOMINANCE
XX The Rising Vengeance
Sliptrick Records


SUSHI RAIN
Cocktail
Jackson Records


TRINAKRIUS
Introspectum
Pitch Black Records


SCALA MERCALLI
New Rebirth
Art Gates Records


EVERSIN
Flagellum Dei
My Kingdom Music


STEEL FLOWERS
Kleptocracy
Red Cat Records


EPHYRA
Along The Path
Bakerteam Records


SAILING TO NOWHERE
To The Unknow
Bakerteam Records


HOMSELVAREG
Catastrofe
Sliptrick Records


VINTERBLOT
Realms of the Untold
Nemeton Records


ENIO NICOLINI
Heavy Sharing
Buil2Kill Records


AT THE DAWN
Land In Sight
Bakerteam Records


ODYSSEA
Storm
Diamonds Prod


AGHAST AFTERGLOW
Imaging
Revalve Records

Demo e Autoproduzioni


THE JULIET MASSACRE
Human Abuse
Autoprodotto


THE HILLNOISE
My Sleeping Butterfly
Autoprodotto/Club Inferno


ILIOS
Demo 2015
Autoprodotto


Blind Guardian - Roma 06.05.2015

Preceduti da un breve seppur intenso set degli Orphaned Land, i Blind Guardian si presentano sul palco intorno alle nove e per oltre due ore offriranno senza soluzione di continuità uno spettacolo di altissimo livello: il paradosso è che i nostri riescono a confezionare un gran concerto, senza suonare canzoni da Imaginations from the other side!

Molto dagli ultimi ("Beyond the red mirror", "A Twist in the myth", At the edge of time") e dai primissimi ("Battalions of fear" e "Follow the blind") che creano nel complesso un gran concerto in cui la band tedesca riesce a valorizzare al meglio l'intera discografia dosando bene le scelte, riuscendo così a non scontentare nessuno. In questo senso, da "Nightfall in middle-earth" sono stati eseguiti i classiconi che tutti aspettano ("Nightfall" tra le prime, "Mirror mirror" in chiusura come sempre) e nel complesso i Bardi non si sono risparmiati.
Un Hansi in gran forma ha offerto una prestazione di altissimo livello, riuscendo a esprimere una voce quasi pari ai dischi: davvero stupefacente. Il suono è stato molto curato e nonostante l'acustica da palazzetto dell'Atlantico, il risultato è stato davvero godibile.

Molto curata anche la scelta e la programmazione delle luci che ha offerto atmosfere perfette per tutto il tempo del concerto. Fra i brani che hanno risaltato maggiormente sicuramente si possono annoverare una furiosa "Fly" (mai amata su disco, devastante dal vivo!), "Twilight of the gods" dal recente "Beyond the red mirror", "Valhalla" (cantata fino alla nausea da tutto il pubblico) e "Majesty".

Unico momento di tregua la band se lo è ritagliata con un breve set acustico nel corso del quale ha riproposto l'intensa Lord of the rings.

Scaletta:
The Ninth Wave
Banish from Sanctuary
Nightfall
Fly
Tanelorn (Into the Void)
Majesty (a richiesta del pubblico)
Prophecies
The Last Candle
Acoustic Set
Miracle Machine
Lord of the Rings
Normal Set
Time What Is Time
Imaginations from the Other Side
War Of Wrath
Into the Storm
Twilight of the Gods
Valhalla
Encore 2:
Wheel of Time
The Bard's Song – In the Forest
Mirror Mirror