Agghiastru – Incantu

Forest

Full Length
Folk
Inch Production/
Audioglobe

“Agghiastru nel vernacolo siculo è l’ulivo selvatico”. Come quest’ultimo, il cantautore siciliano rimano ancorato in maniera ferrea alla propria terra ed alle sue origini musico/culturali, approfondendo il proprio approccio musicale in favore di un piglio folk assolutamente tangibile e ben presente. “Incantu” è l’ennesima prova in studio del polistrumentista nostrano, mai come ora vicino a quanto proposto da Nick Cave et similia nonostante il totalizzante utilizzo del dialetto siculo e di marcate influenze mediterranee. Quello che ne esce fuori è un prodotto assolutamente personale e molto distante da quanto proposto, ultimamente, in chiave più prettamente metal. “Incantu” segna il ritorno a sonorità più rarefatte e morbide, in cui si fa predominante l’utilizzo del pianoforte e di alcuni strumenti acustici che rendono ancora più introspettivo l’intero percorso musicale. Tutto, in questo “Incantu”, assume una dimensione molto intima e particolare, sempre ancorato alla parsimonia del compositore Agghiastru che sceglie, di volta in volta, i giusti incisi sui quali poi sviluppare l’intero brano musicale. Il concetto di melodia si fa assolutamente relativo in questo “Incantu”, vuoi perché il fine ultimo di un lavoro di questo tipo è fondamentalmente un altro, vuoi perché tutto sembra ruotare attorno ad un amore incondizionato e disilluso nei confronti delle lande siciliane e delle sue tradizioni. Lo stesso Agghiastru, che più che cantare sussurra narra ed accenna versi in dialetto siculo, gioca molto su questo aspetto, andando a plasmare uno stile musicale e compositivo assolutamente riconoscibile e palpabile. “Tintatu” è la quintessenza di quanto poc’anzi detto, probabilmente il brano più riuscito ed ammaliante dell’intero lavoro, costruito sulle spirali di una nenia andante e ricco di piccole sfumature di pianoforte. Un piccolo estratto di quanto questo “Incantu” sia in grado di regalarci, a patto che la fusione tra l’ascoltatore e l’ultima fatica discografica di Agghiastru sia profonda e totalizzante.

Il cd, inoltre, contiene la bellezza di ben sei bonus track, compresa la rivisitazione della notissima “Vitti ‘Na Crozza”.

Tracklist:

01. L’ Incantu
02. Sangu
03. La Stanza
04. Carennu
05. Rosa
06. Ferru & Focu
07. Tintati
08. Paria
09. Stravia
10. Suli
11. Amorte
12. La Morti (Bonus Track)
13. Addisiu (Bonus Track)
14. Unia (Bonus Track)
15. Curu (Bonus Track)
16. Scuru (Bonus Track)
17. Vitti ‘Na Crozza (Bonus Track)


Contatti e Social Media per Agghiastru


Potrebbero interessarti anche...