Ecnephias – Ways Of Descention

Forest
2010
Full Length
Symphonic Black Metal
Aural Music Records

“Tornano più in forma che mai i lucani Ecnephias ad alietare le nostre giornate con intense nere sinfoniche passioni.” Con queste parole si era conclusa la nostra recensione del precedente“Haereticus” e con queste stesse parole vogliamo iniziare quella di “Ways Of Descention”. Spicca subito, osservando il cd, l’ottima qualità del prodotto a partire dalla grafica accattivante della copertina, dove tutto risulta curato e ben studiato per catturare la curiosità e l’interesse dei fans, di chi lo è già e di chi sicuramente lo sarà. Nelle nove tracce proposte dal carismatico leader Mancan e soci troviamo un symphonic black metal maturo e tecnicamente ben strutturato dove l’uso di testi in latino e italiano, che si alternano nel contesto inglese e già riproposto nei precedenti lavori, risulta ancor più interessante e suggestivo. Il filo conduttore dei nove brani, tra leggenda e realtà, è la storia di un gruppo di monaci considerati occultisti e del patto di redenzione luciferiana fatto dall’abate Benedetto, nell’antica Abazia di Sant’Ippolito nel Vulture. Maestri nel creare atmosfere plumbee e mediovali, gli Ecnephias avvolgono l’ascoltatore di fascino e mistero con un’elegante sinfonia di suoni, dove chitarra basso e batteria tessono neri ritmi ossessivi che si intrecciano con le malinconiche litanie di piano e tastiere create magistralmente. Una pioggia di emozioni ci assale in queste cupe songs intrise di disperazione, dove spicca la prova del frontmen Mancan sempre più a suo agio tra cantato in latino e cupo growl, per uno splendido cantico avvolgente che guida in un altro concetto di salvezza, in una nuova realtà di salvezza. Passaggi d’organo e fredde diaboliche melodie sono la colonna portante di questo lavoro, suonato in maniera impeccabile da professionisti di indubbia qualità. Impossibile restare impassibili di fronte a tracce del calibro di “Twist Of Personality” o della velocissima “Beyond Suspicion”. Impossibile non lasciarsi ammaliare dall’accattivante “A Strange Painting” col suo nero ritornello… ”Sangue Nero Dominerà… Sangue Morto Risorgerà!” Seducente e affascinate è la meravigliosa strumentale “Il Martirio Di San Lucifero”, sulfurea e possessiva risulta invece “Marilene’s Lustful Whims” che ricorda come stile “Melissa” del grande maestro King Diamond. Dalle melodie gotiche è “Eternally Bound” che in alcuni passaggi, mi ricorda una traccia dei grandissimi Depeche Mode, dal più nero e decadente album “Ultra”. La traccia finale che chiude questo fantastico lavoro è la mistica “Il Nostro Patto” dove la voce imperiosa di Mancan sancisce l’eterno legame….”Sarete legato in eterno al Nostro Patto!!!” Avvolgente musica senza tempo ricca di fascino e di mistero, adatta a chi alberga in se la passione per la sinfonia nera e fa della Vita una Divina Commedia. Concludendo cito una frase, inserita dagli Ecnephias in questo lavoro: ”…Fama di loro il mondo esser non lassa; misericordia e giustizia li sdegna: non ragionian di lor, ma guarda e passa (Canto III Inferno Dante Alighieri)”.

Tracklist:

01. Secrets Of A Black Priest
02. Twist Of Personality
03. Beyond Suspicion
04. Empty Cold Veins
05. A Strange Painting.
06. Il Martirio Di San Lucifero
07. Marilene’s Lustful Whims
08. Eternally Bound
09. Il Nostro Patto


Contatti e Social Media per Ecnephias


Potrebbero interessarti anche...