Gianluca Magri – Reborn

Forest
2018
CD

Nato autodidatta e approdato all’insegnamento dopo la necessaria gavetta in alcune coverband e nei metallers Phait, con cui ha inciso il disco “Redrumorder”, il chitarrista bellunese Gianluca Magri debutta su Red Cat Instrumental Fringe con l’EP “Reborn”.
Cinque pezzi ispirati da varie fasi della vita del chitarrista, quasi una autobiografia in musica, che segue tracciati di un rock strumentale in cui il virtuosismo fine a se stesso trova davvero poco spazio, lasciato totalmente alla musica e alle storie che essa vuole raccontare.
“Reborn” è un rock a tinte blues ispirato da un cambiamento di vita e dal periodo intenso che ne è seguita, “Cloudbreaker” rimanda all’ingresso nei Phait e al periodo metal, per cui si presenta più heavy e grintosa nei suini ma senza mai lasciare da parte una grande dose di melodia.”Snowballed” è un ricordo della sua “infanzia spensierata tra le nevi del suo paese natale”; “A.D.R” è la vita del periodo bellunese, ricco di stimoli e collaborazioni. Infine, l’acustica “Atlas Bound” ci fa ritornare al periodo degli studi fuori casa, 17 and life, per parafrasare gli Skid Row.
Oltre al suo carattere “autobiografico”, “Reborn” sembra voler essere una sorta di omaggio a chi ha affascinato GIanluca e lo ha portato ad imbracciare una sei corde…Led Zeppelin, Gary Moore e Joe Satriani sono i numi tutelari di questo ragazzo che, senza strafare, mostra qualità tecnica e un bel feeling.
Ricordo in chiusura i compagni di viaggio del nostro: Diego Maioni al basso, Raffaele Fiori alla batteria e Lorenzo Mazzucco alle tastiere.

Tracklist:

01.Reborn
02.Cloudbreaker
03.Snowballed
04.A.D.R.
05.Atlas Bound


Potrebbero interessarti anche...