Odyssea – Storm

Forest
2015
Full Length
Power Metal
Diamonds Prod

Dopo dodici anni dal debutto “Tears in Flood” ritornano gli Odyssea del chitarrista Pier Gonnella con un nuovo lavoro dal titolo “Storm”. Tra il primo e secondo album ne è passato di tempo ma Pier non è stato sicuramente con le mani in mano avendo prestato la propria opera ad acts del calibro di Necrodeath e Labyrinth, e fondato insieme a Giorgia Gueglia il progetto Mastercastle, senza contare le innumerevoli partecipazioni in veste di guest in lavori di Rezophoic, Pino Scotto, Cripple Bastard tanto per citarne alcuni.

Come per il debutto, anche nel nuovo “Storm” ritroviamo Roberto Tiranti dietro al microfono, questa volta nella parte di co-protagonista con Pier Gonnella, ed una lunghissima lista di musicisti che si alternano nelle 14 tracce di questo disco ed i cui nomi potete trovare in fondo all’articolo.
Stilisticamente l’album si muove nel solco del power metal dalle venature neoclassiche, con qualche variazione ritmica speed ed un riffing quadrato ma al contempo melodico che ricorda inevitabilmente lo stile di Labyrinth e Masterplan.

L’album si apre con il singolo “No Compromise”, una delle migliori tracce di “Storm” un mid tempo roccioso con un riffing che ricorda i Megadeth. Si prosegue “Anger Danger”, ritmo veloce in levare ed un strofa alla Labyrinth, si fa apprezzare nella parte solista di Gonnella ma si perde in un chorus piuttosto fiacco. “Understand” è un brano ben riuscito, che sembra arrivare direttamente dalla discografia dei Labyrinth vuoi per la sua struttura musicale che per l’apporto di Tiranti, con un bel fraseggio chitarristico nella parte centrale tra Gonnella e l’ospite Andrea Rosso.
Nel brano “Ice”, Tiranti lascia il microfono al duetto ben riuscito tra Giorgia Gueglio (Mastercastle) e Alessandro Del Vecchio mentre ancora i Labyrinth sono chiamati in causa nella successiva “Freedom”, brano veloce dalla melodia accattivante ed un assolo trascinante nel finale.
Si cambia decisamente registro con la cover di “Galaxy” degli Oliver Onions, un duo italiano formato dai fratelli Guido e Maurizio De Angelis, autori tra gli anni settanta e ottanta di numerose colonne sonore e sigle di cartoni. Per l’appunto questo brano era la sigla del cartone “Galaxy Express 999”, qui presentato in chiave rock ed in lingua inglese mantenendo comunque lo spirito scanzonato della versione originale.
La titletrack “Storm” è un tributo al Malmsteen e al suo metal neoclassico, stile e atmosfere che ritroviamo anche in “Ride”, con un’inedita rilettura del tema dell’Adagio di Albinoni, e nel mid tempo di “Tears of the Rain” affidato alla voce di Gandolfo Di Ferro. Chiude il lotto della tracce inedite lo strumentale “Apocalype Pt 2”, ritmica veloce tra neoclassicismo ed effetti futuristici.
Completano la tracklist due bonus track: “Fly”, uno dei brani più riusciti del primo disco, registrato nuovamente per l’occasione con una produzione più moderna ed una versione alternativa di “No Compromise”.

Confesso che nutrivo un bel po’ di aspettative per l’uscita di “Storm”, avendo apprezzato il precedente debutto, ma dopo averlo ascoltato numerose volte alla fine sono rimasto parzialmente deluso. Alcuni brani mi sono sembrati un pò sottotono a livello compositivo, altri derivativi e nonostante l’apporto dei tanti ospiti non sempre riescono a decollare. Un vero peccato, mi sarei atteso di più da due dei protagonisti della scena italiana ma probabilmente la partecipazione a numerosi progetti ed una certa prolificità compositiva può contemplare anche dei piccoli passi falsi.

Andrea Ge, drums (Queenmania).
Alessandro Bissa, drums (Labyrinth, Vision Divine, Soundstorm, APD).
Alessandro Del Vecchio, vocals (Edge Of Forever, Hardline, Revolution Saints,
Silent Force, Eleventh Hour etc).
Alessio Spallarossa, drums (Sadist).
Alex De Rosso, guitars (Dokken, Reb Beach (Whitesnake), George Lynch
(Lynch Mob), Steve Lukater (Toto) etc.
Andrea De Paoli , keyboards (Labyrinth, Vision Divine, Chaos Venture).
Anna Portalupi, bass (Custodie Cautelari, Hardline, Tarja Turunen).
Carlo Faraci, vocals (Odyssea, Arca Hadian).
Christo Machete, drums (Odyssea, Killerslodge, Molosso, Raza de Odio,
Cadaveria).
Davide Dell’Orto, vocals (Drakkar).
Dick Laurent, guitars (Cadaveria).
Emilio Ranzoni, guitars (The Beatzone).
Francesco La Rosa, drums (Extrema, MPire of Evil, Meganoidi, Mastercastle…).
Gandolfo Ferro, vocals (Heimdall, The Opera).
Giorgia Gueglio, vocals (Mastercastle).
Giulio Belzer, bass, vocals (Belzer, The Beatzone).
Mattia Stancioiu, drums (ex Labyrinth, Magnificat, Crown Of Autumn).
Mistheria, keyboards (Bruce Dickinson, RoyZ, Rob Rock, Artlantica, Vivaldi
Metal Project).
Oscar Morchio, bass (Sunzhiyi’s Revenge).
Peso, drums (Necrodeath).

Tracklist:

01. No compromise
02. Anger danger
03. Understand
04. Ice
05. Freedom
06. Galaxy
07. Storm
08. Ride
09. Tears in the rain
10. Apocalypse pt II
11. Fly 2015 (bonus track)
12. No compromise alternative (bonus track)


Contatti e Social Media per Odyssea


Potrebbero interessarti anche...