Skanners – Factory of Steel

Forest
2011
Full Length
Heavy Metal
SAOL

Con quasi trent’anni di metallo alle spalle, tornano a colpire forte gli storici Skanners, che con questo “Factory Of Steel” sfornano il loro settimo album, confermandosi ancora una volta fra le colonne portanti del metal nazionale ed europeo. Forti di un nuovo contratto con la tedesca SAOL, la band bolzanina, che è bene ricordarlo è attiva dal 1982 e non ha mai indietreggiato di un millimetro, ci travolge con questo folgorante album, ottimamente registrato e ricco di spunti interessanti. La tirata opener “Never Give Up” è la prima legnata che stordisce e coinvolge, grazie ai riff taglienti, alle ritmiche poderose ed alla solita brillante prestazione del carismatico vocalist Claudio Pisoni. L’orgasmo sonoro prosegue senza sosta con la successiva “Iron Man”, una song dal gran tiro, dal ritmo ruggente e dal ritornello ficcante che ben prepara al sussulto heavy della title-track “Factory Of Steel”, dove la band ci attende a colpi di mazza, intenta a forgiare un blocco di metallo incandescente, fra chitarre roventi ed una indomita sezione ritmica condotta dalla coppia Olivari/Kranauer. Semplicemente da urlo l’anthemica “Hard And Pure”, metallica fino al midollo, fiera e coinvolgente cavalcata che farà sfracelli in sede live, grazie ad un coro che vi porterete dentro in eterno e poi di nuovo giù duri a testa bassa con la saxoniana “Thunder In My Hand”, fra le rasoiate dei due chitarristi Fabio Tenca e Walter Unterhauser che si placano solo con l’arrivo della coinvolgente ballata “Story Of The Sound”, personale ed intima nel testo, quanto stracolma di feeling dalla prima all’ultima nota. Con la ritmata “We Rock The Nation”, che batte territori teutonici, la band traccia un ponte con il passato, rispolverando quelle accattivanti sonorità ottantiane energiche ed intrise di melodia, che pervadono anche la coriacea e intransigente “Lords Of Lies” e l’hard rock moderno dell’intensa “When I Look In Your Eyes”. Il finale è affidato alla ballad “To Survive” che chiude il sipario in modo inaspettatamente epico, fra arpeggi e vellutate tastiere, sapore eroico ed una sentita interpretazione vocale. “Factory Of Steel” è un lavoro potente, trascinante, vario, emozionante e superbo nel songwriting che fin d’ora si candida tranquillamente come disco dell’anno. Fatelo vostro senza indugi!

Tracklist:

01. Never Give Up
02. Iron Man
03. Factory Of Steel
04. Hard And Pure
05. Thunder In My Hand
06. Story Of Sound
07. We Rock The Nation
08. Lords Of Lies
09. When I Look In Your Eyes
10. To Survive


Contatti e Social Media per Skanners


Potrebbero interessarti anche...