Vexovoid – Call Of The Starforger

Forest
2017
CD
Technical Thrash Metal
ETN Records

Il thrash metalsembra essere uno di quei (sotto)generi del metal che, a discapito di alti e bassi, non sembra conoscere tramonto.
Se ci troviamo a parlare di una new wave of old thrash metal nel 2018, se i Metallica restano comunque uno dei gruppi più famosi e seguiti a livello mondiale, un motivo ci sarà e non è solo l’effetto nostalgia che perseguita i quarantenni (e oltre) di oggi.
In qualche maniera, il thrash ha costruito un archetipo solido e ben radicato che trova espressione in nuovi dischi di “vecchie” band e nuove band che trovano la loro ragion d’essere in band seminali che sono entrate a merito nella storia.
I Vexovoid sono la dimostrazione lampante di questo “radicarsi nel passato”, anche se il loro principale riferimento è una band sempre orientata al futuro e sempre un passo avanti, i Voivod.
Thrash metal molto tecnico e di tematica spaziale è quello che ci offre il trio toscano, formato da Danny Brunelli (voce e basso), Leo Bellavista (chitarra) e Mattia Mornelli (batteria).
Oltre al trio canadese, anche i Coroner e i Vektor tracciano le linee guida di “Call Of The Starforger”, 50 minuti di accelerazioni brucianti, ritmiche serrate e articolate, dilatazioni atmosferiche e inserti elettronici.
Niente da dire sul comparto tecnico, coeso e davvero di alto livello; niente da dire sul songwriting, capace di reggere senza cedimenti di qualità, nè sulla prestazione vocale di Danny, ruvida e vetriolinica al punto giusto. Un disco da avere se i Voivod fanno parte dei vostri gruppi preferiti.
Il mio più grande rammarico è aver saputo (dopo) che sono venuti a suonare ad uno sputo da casa mia…

Tracklist:

01. Omega Virus
02. Infinite Collector
03. Quantic Rapture
04. Waking Mars
05. Galaxy's Echoes
06. Prophet Of The Void
07. Hexaspark Fortress
08. Dead Planets Throne
09. The Starforger


Contatti e Social Media per Vexovoid


Potrebbero interessarti anche...