Rossometile – Alchemica

Forest
2016
Full Lenght
Gothic/Rock/Metal
Autoprodotto/Mazzarella

Avevo avuto modo di parlare dei Rossometile con il loro secondo album “Terrenica”, del 2008, un mix di rock, gothic, pop e metal, carino ma che non mi aveva convinto al 100%.

Non ho ascoltato “Plusvalenze”, del 2012, che li ha visti sterzare in maniera più decisa verso il pop-rock… Non so se è stata colpa di un buco nell’acqua o se è piuttosto da addebitarsi all’arrivo di Marialisa Pergolesi alla voce ma “Alchemica” vede il sound dei nostri svoltare verso un gothic metal più convinto e convincente, senza abbandonare le influenze pop e rock, ma confinandole in episodi più limitati.

La “nuova” direzione è molto ben esemplificata in pezzi quali “Amore Nero” e “La Fenice”, metallo dalle velleità sinfoniche, nella vena dei primi Nightwish. “Il Lato Oscuro” riporta a Evanescence e Lacuna Coil, il gothic abbandona il sinfonico per un approccio più moderno.

Ecco il pop che affiora da “Le ali del falco”, se a qualcuno fa venire in mente un famoso, dolcissimo brano degli anni ‘80, non è il solo. Grande classe.

“Presenze” e “Candore” proseguono il discorso con una vena più progressiva, la matrice potrebbe essere quella comune agli Ayreon, spinta soprattutto ad evocare atmosfere oniriche,

“Nel solstizio d’inverno” è una suite in due parti, una ballad malinconica e a tratti epica, in cui la bellissima voce di Marialisa, piena e avvolgente, calda e mai ostentatamente lirica, si concede i passaggi più operistici del platter.

Altro ottimo passaggio è “Guerriero senza re”, mid tempo roccioso e epico; “Viaggio astrale” e “Alchemica” aumentano il ritmo centrando linee melodiche davvero interessanti e azzeccate; “Ripetizione” paga dazio alla “necessità” della ballad in scaletta, però lo fa con gusto, morbidezza e un filo di malinconia. “Terrenica” viene qui riproposta dal disco omonimo, e poi si chiude con una breve strumentale sinfonica.

Davvero convince il nuovo corso dei Rossometile, certamente Marialisa qui rappresenta un asso nella manica, ma tutto l’insieme appare ben congegnato, a partire dall’uso dell’italiano, scelta consolidata e, mi auguro, definitiva; dai testi, curati e con una vena mistico/filosofica evocativa; dal comparto strumentale, con le chitarre di Rosario Runes Reina più graffianti e presenti, il basso di Pasquale Murino e la batteria di Gennaro Balletta asciutte ed efficaci, senza sbavature ne orpelli.

Adesso bisogna che la My Kingdom se li riprenda sotto contratto. Bravi.

Tracklist:

01. Solve
02. Amore Nero
03. La Fenice
04. Il Lato Oscuro (The Other Side)
05. Le Ali Del Falco
06. Pandora
07. Presenze
08. Candore
09. Nel Solstizio D’Inverno Parte 1
10. Nelo Solstizio D’Inverno Parte 2
11. Guerriero Senza Re
12. Viaggio Astrale
13. Alchemica
14. Ripetizione
15. Terrenica
16. Coagula


Contatti e Social Media per Rossometile


Potrebbero interessarti anche...